Il sito utilizza cookie di prima parte solo tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti. Proseguendo nella navigazione l'utente accetta l'utilizzo di suddetti cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.

OK

PANICO: SAPERE E' POTERE!

PANICO: SAPERE E' POTERE!

L' esperienza del panico è molto frequente, tanto che ognuno di noi ha nel proprio entourage di conoscenze almeno un amico o parente che si è rivolto al pronto soccorso in preda ad una crisi d'ansia, il più delle volte trattata con un forte dosaggio di ansiolitico.

Il panico può essere esperito in circostanze le più disparate, in ogni fase della vita e da chiunque, non c'è niente di più democratico dell'ansia!

Le sensazioni fisiche raccontate da chi ha vissuto almeno una volta l'attacco di panico sono molto varie, fra cui: respiro affannoso, sudare copiosamente, tachicardia e palpitazioni, formicolio agli arti, senso di soffocamento, perdita di controllo dell'intestino, testa leggera e capogiro. Questo terremoto improvviso innesca un tentativo da parte della persona di controllare quanto sta avvenendo con il risultato di aumentare ulteriormente il livello d'ansia percepito e i timori connessi, anch'essi i più disparati: paura di morire (sto avendo un infarto?), paura di perdere il controllo e commettere atti inconsulti, di cui ci si potrebbe pentire o vergognare (se dovesse ricapitarmi in pubblico?), paura per l'incolumità fisica propria e altrui (se dovesse capitarmi quando guido? Se accadesse mentre porto i bambini a scuola?).

Il peso delle macerie che questo breve evento lascia sul terreno, porta il soggetto a cercare immediatamente spiegazioni per tentare di capire quanto accaduto.

Il più delle volte quello che si riceve dalle persone a cui ci si rivolge (dal personale paramedico a bordo dell'ambulanza al medico di famiglia, dal parente al collega di lavoro) non sono spiegazioni bensì etichette (non hai avuto un infarto, soffri di attacchi di panico) e rassicurazioni (di ansia non si muore, è possibile gestire il panico e conviverci, capita a tutti almeno una volta nella vita, etc.. ).

Se da un lato ci sentiamo rinfrancati dall'esito negativo dei check-up a cui veniamo spesso sottoposti per appurare lo stato di salute generale ed escludere patologie organiche, dall'altro la risposta che riceviamo per gestire quanto accaduto nella nostra vita è in una maggioranza schiacciante dei casi una sola: il farmaco. Le possibilità reperibili in commercio sono molte e vanno dai rimedi omeopatici acquistabili senza prescrizione medica alle benzodiazepine, che vengono ormai prescritte con estrema facilità da qualsiasi medico di famiglia. Ma davvero la strada dello psicofarmaco è l'unica percorribile?

Esiste una alternativa: l'intervento psicologico.

Lo psicologo è l'unico professionista che può aiutarti a compiere piccoli passi adeguatamente tarati sulla realtà che vivi e sulle tue possibilità per ottenere il cambiamento desiderato.

La buona notizia è che di panico si può guarire, ricorrendo alle proprie risorse personali adeguatamente mobilitate e orientate all'interno di una relazione di aiuto efficace.

I nostri contatti

Mandaci un messaggio

Il tuo nome

Il tuo indirizzo e-mail

Oggetto

Messaggio

Accetto le condizioni per la privacy

     

    • Indirizzo:
    • via Bolognese 2
      50139 Firenze

    • Dott.ssa Casini

         3473955882
         ludovica.casini@casini-spinetti.it

    • Dott.ssa Spinetti

         3331942573
         ilaria.spinetti@casini-spinetti.it

    studio psicologia
    studio psicologia